Francesca Santucci

 

IL PRINCIPE DELLE STELLE

(dall'antologia AA. VV., "Amore e psiche", Kimerik edizioni 2017)

Darío de Regoyos , La spiaggia di Almeria  di notte  (1882).

 

 

Era bellissimo il Principe delle Stelle! Aveva i capelli del colore dell’argento e gli occhi d’un celeste chiarissimo. Fiero, ritto sul suo scintillante cocchio d’oro bianco, fra le mani stringeva nel pugno le redini luminose come raggi di luna, spronando i cavalli al galoppo negli sconfinati spazi del suo regno, palpitante delle luci soavi delle fulgide stelle e dei placidi pianeti.
Ogni notte, dal crepuscolo all’alba, calmo e silenzioso, illuminando della sua diafana luce lo spazio blu, al suono della musica meravigliosa creata dagli astri,trasvolava da un punto all’altro del cielo. Sotto l’occhio benevolo della Luna, mai tralasciando la magica via Lattèa, somigliante a un delicato velo ondeggiante nel firmamento, sorvolava i pianeti, l’azzurra Terra, il rosso Marte, il possente Giove, il timido Saturno celato dietro i suoi anelli, Venere splendente, il freddo e oscuro Plutone, Mercurio, il pianeta più vicino al Sole, e attraversava la moltitudine di stelle, puntini scintillanti come diamanti nell’immensa volta celeste, dalle forme di divinità, semidei, eroi e animali favolosi: l’Orsa Maggiore, Boote e Arturo, l’Orsa Minore e la Stella Polare, Cassiopea e Borea, Andromeda e Cefeo, Perseo e Pegaso, l’Auriga e la Capretta, la Corona Boreale e la Perla, la Lira d’Orfeo e la bellissima Vega, il Cigno e l’Aquila, la zona dello Zodiaco, le Jadi e le Pleiadi, Orione e la fulgida Sirio.
Tanta pace ovunque diffondeva al suo passaggio il Principe, al suo apparire nel cielo placando in un soave riposo gli affanni del giorno di tutti gli esseri viventi, gli uccellini ponendo il capo sotto l’ala, i fiori serrando forte i loro petali, gli uomini sprofondando nel sonno ristoratore, per poi ricominciare ogni attività immancabilmente all’apparire del primo raggio di sole: gli uccellini spiccando nuovamente il volo, i fiori schiudendo i petali, gli uomini riprendendo le occupazioni frenetiche, il lavoro, le preoccupazioni, le ansie, i conflitti e le guerre. E soltanto quando l’ultima stella si spegneva nel cielo ormai rosa all’orizzonte, e sempre più chiaro e tenue diveniva il riflesso della Luna, il Principe delle Stelle ritornava dal suo giro fra i pianeti e le costellazioni, dirigendo il carro d’oro verso il perlaceo castello di cristallo fluttuante fra gli astri, dove viveva in solitudine. Ma un giorno decise di prendere moglie. Chiamate a raccolta tutte le stelle, sue sorelle, si consultò con loro per scegliere una sposa che fosse bella e pura di cuore, e che potesse adattarsi a vivere nel firmamento. Allora una di loro si ricordò di una fanciulla, bella come una stella, che spesso illuminava dall’alto durante le sue notti. Era una giovinetta che abitava sulla Terra e che amava danzare da sola sulla riva del mare dopo il tramonto. Ogni giorno, quando il sole si era ritirato, le stelle incominciavano a tremolare nel cielo e i primi raggi lunari rischiaravano le erbe e fiocamente illuminavano la sabbia d’una luce argentea, al chiaro e tenue riflesso dell’astro notturno cominciava a volteggiare leggera, con i lunghi capelli neri che sembravano danzare a loro volta intorno al suo bel volto, sempre alzando il capo verso l’alto, con espressione estatica, come se desiderasse ascendere al cielo e divenire pure lei astro fra gli astri.
Disse la stella al Principe:
_“Séguimi, ti condurrò da lei. La guarderai dall’alto e giudicherai se sarà degna della tua proposta”.
E il Principe, che aveva cieca fiducia nella sorella, la seguì col suo carro d’argento, spronando più che mai in folle corsa i cavalli dal pelame brillante come una cometa, per giungere quanto prima nel luogo dove avrebbe potuto vedere la sua probabile futura sposa, verso la quale già sentiva un grande trasporto.
Arrivati sul luogo indicato dalla sorella, la giovinetta non tardò molto a comparire, e allora il Principe delle Stelle poté ammirarla danzare sulla spiaggia, sfiorando con i suoi delicati piedini le onde del mare che, scorrendo e mormorando, creavano una musica dolcissima. Con i suoi salti nelle limpide acque suscitava arcobaleni di gocce e pizzi di bianche spume, che si frangevano contro gli scogli moltiplicando le armonie del mare, danzando libera e felice in quella freschezza e in quella trasparenza. Solo quando si fece giorno e la sabbia, illuminata dai raggi del sole, divenne del color dell’oro, dopo aver rivolto un ultimo sguardo al pallido cielo, smise la danza.
Vederla ed amarla per il Principe fu tutt’uno. E, così, la notte successiva nuovamente tornò a guardare la giovinetta, e ancora per molte notti, finché, ormai rapito d’amore, decise di dichiararsi. Allora lentamente col suo carro cominciò a discendere verso la riva del mare, senza mai distogliere lo sguardo dalla fanciulla che, per nulla impressionata dal prodigio, seguiva il suo percorso. Approdato sulla spiaggia, il principe le si avvicinò. Con dolcezza le rivelò chi era, le dichiarò il suo amore e le sue intenzioni e le donò il suo pegno d’amore:  un anello di platino con incastonato un  romantico cuore di topazio azzurro incorniciato da una fila di purissimi diamanti trasparenti . Dopo aver baciato l’anello, lo infilò all’anulare della mano sinistra,  aggiungendo che, se lei avesse acconsentito a sposarlo, non solo sarebbe diventata la Principessa delle Stelle, ma avrebbe potuto danzare a suo piacimento, stella fra le stelle. La giovinetta accettò con gioia, confidando al Principe bello e gentile che anche lei già lo amava, sin da quando, una volta, lo aveva intravisto sul suo carro fra le nuvole, e con tutto il cuore aveva sperato che anche lui si accorgesse di lei, e che quando, danzando in riva al mare, volgeva il capo verso l’alto, era perché sperava di scorgerlo.
Di fronte alla sincerità delle sue parole il Principe ancor di più l’amò. Senza attendere oltre, le tese la mano, la fece accomodare  sul suo carro e se la portò via nel cielo stellato.
Subito furono celebrate le nozze con grande sfarzo e, siccome tutto il cielo era in festa, ancor di più le costellazioni quella notte scintillarono di vivida luce, illuminando gli sposi felici che trasvolavano da una stella all’altra sul carro  addobbato a festa, al suono della musica più dolce che mai avesse prodotto l’eterno moto degli astri.
Insieme in armonia gli sposi governavano il regno notturno, e, tenendo fede alla parola data, il Principe lasciava che la sua Principessa danzasse, e per giorni e giorni lei danzò, fulgida stella fra le amorevoli stelle, innamorata, libera e felice, solo facendo attenzione a rientrare nel castello di cristallo prima che il Principe del Sole, fratello del Principe delle Stelle, uscisse con il suo carro d’oro, perché il suo calore insostenibile, che tutto brucia, avrebbero potuto incenerirla. Ma accadde che una volta si attardasse a danzare nella volta turchina, e troppo tardi si voltasse per salire sul carro del Principe delle Stelle per rincasare: nonostante il suo sposo la esortasse ad affrettarsi, un raggio di Sole la colpì a morte, incenerendola di colpo.  Il dolore del Principe delle Stelle fu infinito, trascorsero i mesi, gli anni, i secoli, ma non dimenticò mai la sua dolce sposa.
Tornato solo, nelle sue notti infinite, da allora continua a non darsi pace e a rimpiangerla, e quelle scie che si vedono talvolta nel cielo, che noi umani chiamiamo “stelle cadenti”, altro non sono che le lacrime disperate dell’inconsolabile Principe delle Stelle che continua a piangere la sua amata Principessa.

 

 

 

@

 

Back