Napoli di ieri

(clic sulla copertina per guardare il video)

edizioni A.L.I. Penna d'Autore, 2005
 139  pagine-   Prezzo: 10,00 euro

 

per l'acquisto contattare l'autrice

@

 

Fra il sogno e la realtà, il ricordo e la memoria, la fantasia e la fantasticheria,  Napoli di ieri in questi racconti, soprattutto i napoletani di ieri, sempre in sospensione, ancora oggi, fra  il  sacro ed il profano, il serio ed il faceto,  il dramma e la farsa (Oggi sto tanto allere ca quasi quasi me mettesse a chiagnere, recita la canzone), perché non dimenticano le loro due anime: quella greca, la cui cultura elaborò grandi tragedie universali, quella latina, che diede vita alle atellane e ai fescennini.
E nemmeno dimenticano d’essere stati assoggettati agli Spagnoli  e, dunque, nei loro caratteri  conservano pure certi tratti cerimoniosi, appunto “spagnoleggianti”, di quel popolo.
Immutata resta nel tempo, oggi, come ieri, la loro umanità.

Francesca Santucci

 

Di Napoli e di ciò che tale città con la sua storia millenaria e le antichissime tradizioni ha rappresentato nel tempo, sembra che ormai sia stato detto tutto ma qualunque nuovo testo al riguardo va invece ad aggiungere nuove sfaccettature a questo prisma che continua da sempre a rifulgere di luce propria.
E’ così, infatti, per i ventisei godibilissimi racconti contenuti nel libro di Francesca Santucci Napoli di ieri (edizioni Penna d’Autore, 2005, pp. 139) che attraverso uno stile sobrio e scorrevole, una sottile ironia e un celato buonumore, riescono a captare sin dall’inizio l’interesse del lettore, sia egli partenopeo o meno.
Dai racconti trapela, prima di tutto, l’amore viscerale che l’autrice, napoletana di nascita e bergamasca d’adozione, poetessa e scrittrice di squisita sensibilità, peraltro ideatrice e curatrice di uno fra i più bei siti web di letteratura presenti in Internet (www.letteraturaalfemminile.it), nutre da sempre nei confronti della propria città natale e che, sebbene lontana per distanza chilometrica, è più che mai viva nel suo cuore attraverso il ricordo fornitole dalle sensazioni sfumate e dalle emozioni ancora intatte dell’infanzia.

(Maddalena De Leo)

(Maddalena De Leo)

("Napoli di ieri" è stato recensito da Maddalena De Leo sulla rivista  " Leggere Donna", Tufani editrice, anno XXV (n. 136), nuova serie n. 118, settembre-ottobre 2005).

...Un narrare dunque che è al tempo stesso uno spaccato della Napoli di alcuni decenni or sono, con le sue figure caratteristiche e magari anche i suoi figuri, le sue abitudini, quell’atmosfera un po’ caotica, un po’ creativa e un po’ fatalista che è l’anima segreta di questa straordinaria città.  Gusto popolare e insieme stile vivido e mosso del racconto decadentista, con il suo gusto per il misterioso, l’ambiguo, l’ambivalente, il colpo di scena, il quadretto tipico, che Francesca padroneggia con molta competenza scrittoria, da profonda conoscitrice di quel periodo storico e di quella letteratura.  E’ dunque, insieme a un omaggio alla madre, anche un omaggio alla sua Napoli…

(Gianmario Lucini) 

 

clic sull'immagine per ingrandire

Antonia Chimenti, "Una lettura di Napoli di ieri"

( articolo pubblicato sul giornale "Trentatregiorni", aprile 2006)

 


    Natale a Napoli


   Non addio, meravigliosa nonna!

 

Home